Lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare

Come ridurre (velocemente) il dolore alla bassa schiena e bacino

Carico trattamento caviglia

La cruralgia o lombocruralgia è caratterizzata invece da un dolore al rachide che si irradia sulla superficie anteriore e o mediale interna della coscia.

Nei casi più severi al dolore possono accompagnarsi altri sintomi, indice di sofferenza nervosa, quali formicolii, sensazione di intorpidimento, ipo-anestesia di specifiche superfici cutanee e ipostenia debolezza dei muscoli innervati dal nervo interessato dalla patologia. Soltanto in Italia i soggetti che soffrono di mal di schiena superano i 15 milioni. Il mal di schiena è il motivo più frequente di ricorso a lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare mediche ed è la prima causa di assenza dal lavoro, costituendo pertanto un problema non solo di Salute, ma anche di tipo sociale ed economico.

La colonna vertebrale o rachide è una struttura complessa costituita da molteplici elementi mobili, connessi tra loro da elementi fibro-legamentosi, ed ha la funzione di sorreggere il corpo e il capo, proteggere il midollo spinale garantendo la fuoriuscita dei nervi lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare, consentire i movimenti del tronco e accompagnare la dinamica respiratoria. Il rachide è costituito da 33 vertebre di cui:. Gli archi sono a loro volta costituiti anteriormente dai peduncoli che si collegano col corpo, lateralmente dai processi trasversi e, posteriormente, dal processo spinoso.

Alla radice dei due processi trasversi si trovano le due faccette articolari superiori e le due inferiori che lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare articolano con le rispettive faccette articolari delle vertebre sovra e sottostanti. Nella struttura del disco intervertebrale è possibile distinguere due componenti:. Per garantire la salute del disco è necessario una bilanciata alternanza tra condizioni di carico e scarico su di esso.

Pertanto, le posture mantenute a lungo ostacolano il ricambio nutritizio e possono accelerare i processi di degenerazione discale. Il midollo spinale è simile ad un lungo stelo, pressoché cilindrico, un poco appiattito in lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare antero-posteriore, posto nel canale vertebrale ed esteso dal foro occipitale al corpo della seconda vertebra lombare. Non è rettilineo ma segue le curvature della colonna, ha un peso di circa 28 grammi e un diametro medio di circa 10 lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare.

Da ciascuna metà del midollo spinale fanno emergenza 33 radici anteriori e 33 radici posteriori dei nervi spinali. Poiché ogni radice anteriore si unisce poi con la radice posteriore che emerge al suo stesso livello, si costituiscono 33 nervi spinali per lato. Essendovi notevole discrepanza tra la lunghezza del midollo spinale e quella della colonna vertebrale, soltanto i nervi spinali più alti decorrono pressoché orizzontalmente per portarsi al loro foro di uscita dal canale vertebrale.

La radice anteriore è motrice e la radice posteriore è sensitiva. La radice posteriore del nervo spinale ha la sua origine reale nel ganglio spinale ed è formata da protoneuroni sensitivi, detti neuroni a T: il loro neurite si divide a T dando luogo a una fibra periferica e a una fibra centrale. La fibra periferica esce dal ganglio, prosegue nel nervo spinale e va a distribuirsi in un territorio periferico del corpo raccogliendo impulsi sensitivi che poi la fibra centrale porta al midollo.

Una lombalgia è frequentemente spiegabile dalla presenza di un danno anatomico a carico del disco intervertebrale, delle articolazioni vertebrali o delle strutture ossee, legamentose o nervose della colonna vertebrale. In genere sono coinvolte le articolazioni più sottoposte a usura, in relazione al peso corporeo e ai movimenti quotidiani. Gli osteofiti, inoltre, specie se molto voluminosi, riducono il calibro dei forami di coniugazione e possono essere causa di radicolalgie e stenosi del canale canale lombare stretto o stenosi del canale.

La spondilolistesi consiste nello scivolamento anteriore di una parte o di tutta una vertebra rispetto alla vertebra sottostante. Per un approfondimento dettagliato di questa patologia si rimanda alla lettura di questo articolo: spondilolistesi vertebrali. Col passare degli anni il nucleo polposo va incontro a una fisiologica degenerazione disidratandosi, perdendo spessore, altezza ed elasticità. Esse possono esse mono o bilaterali e sono caratterizzati dalla presenza di disturbi motori, sensitivi o sfinteriali.

Le ernie del disco intervertebrale possono essere asintomatiche oppure presentarsi con una clinica che varia in relazione alla sede anatomica, al tipo e al grado. Tutte le affezioni rachidee possono dare lombalgia:. Patologie esclusivamente extravertebrali possono simulare talvolta una lombalgia:. In generale le ernie postero-laterali comprimono la radice nel forame di coniugazione o a livello della sua emergenza dal midollo spinale. Le ernie mediane possono comprimere 2 o più radici simultaneamente o determinare la sindrome della cauda equina.

Le due più comuni sindromi lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare sono la lombosciatalgia o nevralgia sciatica comune e la lombocruralgia o nevralgia crurale. Per un richiamo anatomico dettagliato del plesso lombosacrale, del nervo sciatico e dei suoi territori di innervazione si rimanda alla lettura di questo articolo: Nervi e muscoli del plesso lombosacrale. Frequentemente sono associati altri sintomi quali formicolio, intorpidimento e ipostenia debolezza muscolare.

Alla cruralgia si accompagna spesso lombalgia lombo-cruralgia e in genere il dolore lombare che accompagna le cruralgie è localizzato più in alto rispetto al dolore lombare che accompagna le sciatalgie.

La lombalgia acuta è un dolore alla schiena che insorge acutamente, improvvisamente, in genere in seguito a un sforzo nel sollevare un carico o dopo un movimento incauto in torsione del busto. Si assiste inoltre a una brusca contrattura muscolare riflessa, che ha lo scopo di proteggere il rachide da movimenti che potenzialmente potrebbero causare danno o dolore.

In tali casi è opportuno rivolgersi al medico e sono indicati il riposo, farmaci anti-infiammatori e miorilassanti. Si configura un quadro di lombalgia cronica quando il dolore alla schiena perdura per un periodo di mesi e più senza significativi periodi di interruzione.

Un dolore che cronicizza è un dolore che non è stato adeguatamente trattato in fase acuta oppure un dolore che lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare da una condizione a genesi multifattoriale e che va trattata inquadrando il problema nel suo complesso. In genere una buona raccolta anamnestica del disturbo del paziente e della sua storia clinica, unite a un esame obiettivo consentono di giungere a una diagnosi.

Molti pazienti chiedono a quale di queste due figure sia opportuno rivolgersi in caso di mal di schiena. La risposta è che entrambi sono qualificati per questo tipo di problema.

In fase acuta, su prescrizione medica, possono essere indicati farmaci analgesici, antinfiammatori steroidei terapia cortisonica lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare non e farmaci miorilassanti.

Le terapie fisiche possono fornire un buon sollievo a una condizione dolorosa della schiena. Le più frequentemente utilizzate sono:. Esistono condizioni patologiche causanti mal di schiena che possono essere suscettibili di trattamento chirurgico, su indicazione ortopedica.

Possono far bene entrambi. Il freddo è utile per lenire condizioni dolorose di a origine infiammatoria o post-traumatiche. Il caldo ha un effetto benefico miorilassante rilassante sui muscoli e favorisce la circolazione sanguigna. Una lombalgia acuta è per definizione di durata inferiore alle 6 settimane. La lombalgia cronica ha una durata di oltre le 12 settimane e la terapia è molto più complicata. Non tutti gli sport sono indicati in presenza di mal di schiena.

Gli sport controindicati sono sicuramente quelli che sottopongono la colonna vertebrale a carichi eccessivi o a forze di trazione o torsione improvvise: no al tennis, no al sollevamento pesi, no al jogging perché espone a microtraumi ripetuti. Di seguito sono illustrati alcuni semplici esercizi che è possibile eseguire anche al domicilio e hanno lo scopo rinforzare i muscoli stabilizzatori della colonna vertebrale e alleviare il dolore. Esistono moltissimi altri esercizi che possono essere eseguiti nel paziente con mal di schiena e che possono essere suggeriti dal fisiatra o appresi durante le sedute di fisioterapia.

Grazie per la risposta. Ora a distanza di due settimane di relativa tregua con il dolore mi trovo immobilizzato con una forte sciatalgia che sto curando con iniezioni di muscoril e cortisone naturalmente su consiglio medico ad ora dopo 2 iniezioni lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare dolore lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare a scomparire sono troppo impaziente?

Mi consigli Lei grazie. Gentile Sergio, solitamente la terapia cortisonica a dosaggio opportuno fornisce un sollievo piuttosto rapido dai sintomi. Se questi ultimi persistono, è opportuna una rivalutazione terapeutica e un approfondimento diagnostico mediante risonanza magnetica nucleare del rachide lombo-sacrale.

Cordiali Saluti. Gentile Federico, le consiglio di eseguire una visita specialistica fisiatrica per indicazione a trattamento conservativo rieducazione motoria, terapie fisiche, farmaci. Salve dottoressa, il suo articolo è Molto esaustivo, purtroppo mi trovo nella condizione di avere in ernia del disco che causa una lombosciatalgia da oltre un mese e non so più che lombalgia cronica della colonna vertebrale lombare.

Contenuti dell'articolo. Sergio 11 Maggio Federico 4 Aprile Leave a Reply Annulla risposta.